Sapete come pulire il marmo correttamente? Siete alla ricerca di un metodo che non rovini la superficie e la faccia splendere come nuova?

Il marmo è un materiale affascinante, utilizzato fin dai tempi antichi per decorare edifici di ogni genere, proprio perché incredibilmente suggestivo.

In grado di impreziosire qualsiasi ambiente, è comunque molto delicato, e per questo motivo bisogna sempre fare attenzione quando lo si pulisce.

Se non si conoscono i trattamenti giusti, è facile poterlo rovinare, lasciando segni indelebili e soprattutto evidenti.

Proprio per evitare questi incidenti, vi indicheremo come pulire il marmo in modo efficace, senza però rischiare di danneggiarlo.

Come pulire il marmo esterno

Iniziamo a scoprire come pulire il marmo esterno. Essendo maggiormente esposto agli effetti atmosferici, è più soggetto all’usura, all’opacizzazione e all’ingiallimento.

Tuttavia, esistono dei processi attraverso i quali combattere questi effetti, anche casalinghi e fatti con prodotti che in qualche modo si possono trovare in casa o acquistare facilmente.

Per il marmo esterno, si può creare un semplice composto con solo acquasucco di limone e bicarbonato, mischiare il tutto e utilizzarlo come detergente.

Il prossimo passo è quello di procurarsi una spazzola a setole dure, e poi si può procedere. Non si deve far altro che spargere la miscela appena ottenuta sul marmo e iniziare a strofinare con vigore.

Una volta terminato il primo passaggio, applicare il bicarbonato su tutta la superficie, rendendolo leggermente umido. Come vedrete, si creerà una poltiglia, che dovrete spargere su tutta la superficie e lasciare agire per almeno 15-20 minuti. Per finire, risciacquare il tutto con acqua e terminare pulendo con un panno di lana.

Come pulire il marmo ingiallito

Passiamo ora a scoprire come pulire il marmo ingiallito, sempre utilizzando rimedi semplici e facili da reperire. L’ingiallimento e l’opacizzazione sono fenomeni piuttosto comuni per il marmo, causati dal continuo utilizzo, dalle intemperie e dallo scorrere del tempo.

Il primo metodo per ritrovare la sua brillantezza è quello di utilizzare una pietra pomice: questo strumento è molto efficace anche per eliminare sporco e grasso, ma soprattutto combatte i segni causati dal tempo.

L’ideale è comprarne una con maniglia. Passatela sulla superficie, risciacquate con acqua e sapone di Marsiglia e il marmo sarà come nuovo.

In alternativa, potete anche utilizzare il composto illustrato nel paragrafo precedente, che porterà ugualmente ottimi risultati, pulendo allo stesso tempo il pavimento.

Come pulire il marmo dal calcare

Capiamo ora come pulire il marmo dal calcare: questo problema è molto diffuso, poiché il marmo è una roccia sedimentaria ed è soggetta alla formazione di incrostazioni calcaree.

Per questo motivo, assicuratevi di asciugare sempre bene la superficie quando viene lavata, altrimenti sarà inevitabile. Esistono comunque metodi per porre rimedio a questo problema, anche in questo caso evitando prodotti troppo aggressivi come candeggina o ammoniaca.

Per rimuovere le macchie di calcare, basterà utilizzare dell’acqua calda e del sapone di Marsiglia. Passate il composto lungo la superficie con cura e con un panno di lana, dopodiché risciacquate ed asciugate il tutto delicatamente, se possibile con un panno di camoscio, in modo da lucidarlo.

In alternativa, funziona anche il solito rimedio con acqua, succo di limone e bicarbonato.

Come pulire il marmo macchiato

Il problema più comune per questa superficie sono proprio le macchie, quindi scopriamo come pulire il marmo macchiato. Il metodo universale è quello di utilizzare il gesso generico: andrà bagnato con l’acqua e reso abbastanza liquido, per essere poi sparso su tutta la zona interessata.

Si deve lasciare agire per mezz’ora, e successivamente risciacquare con acqua e sapone di Marsiglia. Se le macchie continuano a persistere, soprattutto se si tratta di marmo grezzo o esterno, un rimedio efficace è la fecola di patate.

E’ molto utile anche per donare una rinnovata lucentezza alla superficie e assorbire le macchie di unto. Per le macchie di ruggine, potete usare l’aceto, al quale segue poi una passata di cera abrasiva a grana sottilissima.

Per le macchie di acido, puoi utilizzare il sapone di Marsiglia e bicarbonato: trattate le macchie con il composto per un’ora, poi risciacquate e lucidate. Se non avete ancora risolto, provate con un pizzico di olio di lino cotto e il marmo dovrebbe tornare finalmente come nuovo.