Rimuovere fastidiosi aloni dalle finestre di casa o del proprio ufficio può essere una vera e propria spina nel fianco.

Che sia all’interno o all’esterno possono crearsi strati di sporco difficili da rimuovere, che con il tempo, con le intemperie e con l’utilizzo possono stagnarsi divenendo sempre piu difficili ed evidenti.

Una finestra sporca non è un problema che riguarda solo i vetri e il loro aspetto, ma può compromettere la percezione di pulizia del resto della casa, facendo sembrare trascurati anche ambienti dei quali si ha invece molta cura.

Meglio evitare che tutti gli sforzi fatti per la pulizia delle piastrelle, dei tappeti e dei sanitari vadano sprecati.

Grazie ai preziosi tips raccolti in questa rapida guida questi problemi saranno soltanto un ricordo. Riuscirai ad ottenere finestre di una trasparenza mai vista prima e dare alla tua casa quell’aspetto di pulito e freschezza a cui ambisci da sempre. Goditi tutti i benefici di una casa perfettamente pulita!

  1. Aceto

L’aceto è un evergreen. La soluzione della nonna che funziona con ottimi risultati per una grandissima varietà di utilizzi. E anche con i vetri fa a dovere il suo lavoro, contribuendo in maniera ottimale non solo a pulire le superfici di vetro ma anche a purificarle.

Mescola l’aceto con dell’acqua calda, bagna un panno con la soluzione ottenuta e strofina energicamente la superficie da pulire. Dopo poche passate la finestra sarà come appena acquistata.

Pro tip: se proprio non sopporti il forte odore dell’aceto, prova ad aggiungere alla soluzione del succo di limone, oppure ad aggiungere una quantità più grande d’acqua.

  1. Il panno giusto

Acquistare panni dedicati a questo utilizzo, realizzati in materiali appositamente progettati può essere una scelta onerosa (e a volte molto meno efficace di quello che viene dichiarato in pubblicità). Ci sono alternative molto più economiche che possono essere riciclate che svolgeranno lo stesso lavoro in maniera egregia, facendoti risparmiare di molto.

Anche la spugna che utilizzi per lavare i piatti svolgerà il lavoro in maniera pulita ed efficace. Alternativamente un qualsiasi strofinaccio, magari riciclato da una vecchia tovaglia o da un vecchio tessuto strappato, funzionerà a meraviglia.

Pro tip: Prova ad utilizzare la carta del giornale. Non graffierà il vetro e anzi lo pulirà senza lasciare alcuna traccia del proprio passaggio. Non solo, ma le pagine di magazine “lucide” lasceranno parte del loro strato di gloss sul vetro, impedendo alla sporcizia di ricrearsi con la stessa facilità di prima.

  1. Il clima giusto

La pulizia dei vetri è una pratica “metereopatica”. Non tutti i giorni sono adatti a svolgere questa attività. Ciò è dovuto al fatto che la luce e il calore solari non sono ottimali per l’asciugatura dei vetri, aumentando la possibilità che si vengano a ricreare aloni o fastidiose e persistenti ombre anche a lavaggio appena concluso. Senza considerare l’aumento di stress derivante dal dover svolgere tale attività al caldo.

Meglio rimandare alle grigie giornate piovose.

Pro tip: se proprio non si ha alternativa e si è costretti a pulire i vetri col sole, meglio assicurarsi di asciugare per bene il vetro con un panno apposito perfettamente asciutto.

  1. Usare la testa

Sarà capitato a tutti di pulire e ripulire i vetri, all’interno e all’esterno, passarli con cura con svariate spruzzate di detersivo e poi col panno per poi asciugarli con cura, per poi guardarli e trovare di nuovo gli stessi aloni senza riuscire a capire se si trovano all’interno o all’esterno.

Per evitare questo problema la soluzione è molto facile: passare l’interno in senso orizzontale e l’esterno in senso verticale. In questo modo, nel caso in cui rimangano aloni o fastidiose macchie, sarete in grado di capirne la posizione a colpo d’occhio dalla loro direzione. Provare per credere

Pro tip: rivolgersi ad un esperto può essere facile e immediato, permettendoci di risparmiare tempo e a volte anche denaro. Esistono moltissimi portali, come il Marito in Affitto, che offrono servizi di lavori di casa a domicilio comodamente raggiungibili da Google o reperibili al telefono. Tentar non nuoce!